Sirena di allarme esterna autoalimentata: cos’è e come funziona

sirena allarme esterna autoalimentata
Sirena di allarme esterna autoalimentata: cos’è e come funziona
4.5 (90%) 6 voti

Di che cosa parliamo quando facciamo riferimento alla sirena di allarme esterna autoalimentata? Si tratta di quella che può essere considerata la prima azione di protezione per l’abitazione, che può agire in maniera determinante come deterrente nei confronti di tentativi di intrusione in casa. Esistono diverse tipologie di sirena di allarme esterna, ma in ogni caso si tratta appunto di sistemi che funzionano come deterrenti già solo per il fatto che attirano l’attenzione e mettono in allerta chi si trova nel loro raggio di azione.

La sirena di allarme esterna con batteria extra

Come dicevamo in precedenza, esistono diversi modelli di sirena di allarme esterna. Ci sono prodotti più semplici, ma anche componenti molto complesse, che presentano le caratteristiche della protezione antischiuma o appunto l’autoalimentazione.

In una fase iniziale il funzionamento di una sirena di allarme esterna si basava principalmente sulla corrente elettrica. Adesso si punta molto sul risparmio energetico, ad esempio con la presenza di luci a LED o di altri sistemi che consentono di non pesare eccessivamente sui consumi.

Una delle tipologie di sirene di allarme esterne è proprio quella della sirena autoalimentata. Si tratta di una sirena d’allarme da inserire all’esterno dell’abitazione, che ha al suo interno una batteria extra capace di far funzionare tutto il sistema correttamente anche in caso di un guasto alla rete elettrica oppure in caso di taglio dei cavi dell’elettricità, un’operazione che potrebbe essere fatta dai ladri con l’intenzione di oltrepassare il sistema di allarme e introdursi quindi nell’abitazione.

Le tecnologie antifurto innovative

Le tecnologie moderne riescono a garantire una protezione davvero importante degli edifici, grazie a sistemi che rendono queste componenti molto precise.

Inoltre è possibile attualmente avere a disposizione delle coperture maggiormente efficienti, per proteggere questo elemento esterno del sistema antifurto sia dai malintenzionati che potrebbero cercare di oltrepassare l’allarme che dagli agenti atmosferici, come la pioggia o le temperature molto basse che potrebbero portare alla formazione di ghiaccio.

Esistono poi anche le sirene di allarme esterne con una protezione antischiuma, che hanno a disposizione dei sensori molto particolari che fanno scattare in modo puntuale il segnale d’allarme nel momento in cui se ne dovesse presentare la necessità.

Per una protezione ottimale della nostra casa o dell’edificio che ospita il nostro luogo di lavoro dobbiamo ricordarci sempre di affidarci a prodotti di alta qualità, che possano essere installati in punti strategici e che possano offrire un livello ottimo di tutela.

Ti consigliamo di leggere anche questi articoli



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *