Protezione giardino con animali domestici

Protezione giardino con animali domestici 4.70/5 (94.00%) 2 voti

Buon pomeriggio,

mi chiamo Fausto e da qualche anno abito con la mia famiglia in una villetta con due piani circondata da un grande giardino. Tale abitazione è messa in sicurezza attraverso l’installazione di un impianto di antifurto perimetrale che si serve di “piastre a fili” sia sulle finestre che sulle porte finestre e di rilevatori volumetrici montati per la protezione dell’ambiente interno. Attualmente, però, mi piacerebbe aumentare il livello di sicurezza e dotarmi di un sistema anti intrusione da applicare lungo il perimetro del giardino o in alternativa di qualche cosa che impedisca ad eventuali ladri e malintenzionati di arrivare sino agli infissi. In base alla tua professionalità ed esperienza nel settore cosa mi consiglieresti? Ah dimenticavo, devo precisarti che in giardino si muovono in totale libertà due gatti ed un cane di grossa taglia. Attendo di conoscere il tuo parere in merito, nel frattempo ti ringrazio per l’attenzione che vorrai dedicarmi!

Un saluto

Fausto

 

Risposta:

Buon pomeriggio Fausto,

dopo aver letto la tua descrizione, il mio consiglio per te è quello di optare per dei sensori con lente a tenda, per delle barriere oppure per delle barrierine a stilo; questa tipologia di sensori sono un valido compromesso fra la protezione del perimetro esterno ed il bisogno di evitare la manifestazione dei falsi allarmi dovuta alla presenza dei tuoi animali domestici. Si tratta di piccoli dispositivi senza dubbio discreti, che non interferiscono con l’aspetto estetico della villetta o del giardino, oltre al fatto che ti avvisano prima che i malintenzionati riescano ad arrivare in prossimità dell’abitazione, e soprattutto ti consentono la parzializzazione delle zone giorno & notte anche quando sei dentro casa.

Gli elementi che ti ho elencato, oltre ad essere abbastanza economici, hanno anche un livello di protezione alquanto simile fra loro, ti spiego: le barriere e i sensori a tenda (questi ultimi sono forniti di una specifica lente che protegge una superficie piana) proteggono l’area in cui sono installati attraverso un raggio radente il perimetro, mentre le barrierine a stilo danno forma ad un fascio di raggi infrarossi incrociati (si tratta di barriere che consentono di prevenire lo scasso e di individuare l’eventuale attraversamento dell’apertura; vengono installate all’esterno dell’infisso ed assicurano protezione anche quanto l’infisso viene lasciato aperto). La sola vera differenza, in sostanza, riguarda l’installazione, ma quale sia tra questi il dispositivo più adatto puoi deciderlo in autonomia dopo aver valutato sul campo oppure tramite la consulenza di un tecnico in seguito ad un sopralluogo.  

Oltre tutto, visto che hai già un impianto di antifurto, si tratterebbe soltanto di una espansione dell’attuale sistema, per cui non dovresti riscontrare problematiche in quanto questo tipo di prodotti sono disponibili in commercio sia nella versione via cavo (filare) che in quella via radio (wireless); al massimo ti occorrerà qualche adattamento nella centralina d’allarme, ma niente di troppo difficile! Spero di averti descritto un quadro chiaro ed esaustivo sui sensori utili per questo tipo di applicazione, naturalmente se dovessero servirti altre informazioni sull’argomento torna pure a contattarmi! Saluti e a presto

Ti consigliamo di leggere anche questi articoli



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *