Furti in casa di notte: come avvengono e come difendersi

furti in casa di notte
Furti in casa di notte: come avvengono e come difendersi
4.3 (86%) 3 voti

I furti in casa di notte sono piuttosto frequenti. Anzi, come affermano le recenti stime sull’argomento, negli ultimi tempi tendono ad aumentare. Sembrerebbero essere più colpite le regioni del Nord, come per esempio la Lombardia, l’Emilia Romagna, il Piemonte e la Toscana. Ci sono diverse modalità che i ladri utilizzano per fare i furti in casa, agendo soprattutto nelle ore buie. Scopriamone di più approfondendo l’argomento.

Quali modalità vengono utilizzate per i furti

Ci sono alcune tecniche in particolare, “predilette” dai ladri per fare i loro furti di notte. Spesso, specialmente nei casi in cui la porta non è blindata, si verificano delle effrazioni della porta di ingresso.

Nel caso delle serrature a doppia mappa utilizzano la cosiddetta tecnica del lock picking attraverso la chiave bulgara che serve per bloccare il meccanismo e poi riuscire così ad aprire la serratura. I ladri più esperti sono anche capaci di aprire le serrature più moderne, con una specie di chiave passe partout. In molti altri casi, invece, si ha un’effrazione dalla finestra o dal balcone.

Come prevenire i furti in casa di notte

Proprio la notte è il momento più pericoloso della giornata, in cui con più frequenza si verificano i furti in casa. Una delle vie più decisive per riuscire a limitare questo fenomeno e difendere la propria casa dai malintenzionati consiste nell’installare i sistemi di sicurezza.

Per esempio potrebbe essere ottimo un allarme per la casa. Ma da quali elementi deve essere costituito un impianto di questo genere per potersi difendere adeguatamente dai furti? Innanzitutto sarebbe importante dotare l’abitazione o le sue vicinanze di cartelli dissuasori, avvisando i ladri della presenza di sistemi di allarme.

È opportuno installare dei sensori di movimento esterni, lungo il perimetro, anche quando si tratta di proteggere porte e finestre da eventuali effrazioni. Si può creare, inoltre, una barriera di protezione interna con sensori di movimento posizionati all’interno della casa collegati con le videocamere.

Non dimenticare tutti i vantaggi che ti può portare un impianto di videosorveglianza in collegamento con un’app specifica per i dispositivi mobili, per controllare tutta la situazione anche quando sei lontano dalla tua abitazione.

Ti consigliamo di leggere anche questi articoli



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *