Videosorveglianza – Tipologie di compressione video

Videosorveglianza – Tipologie di compressione video 4.40/5 (88.00%) 3 voti

Ecco un breve intervento sulla compressione e sui limiti di banda legati alla videosorveglianza.

L’MPEG4 è un formato video standardizzato nel 1999, capace di contenere oggetti multimediali – testi, immagini, animazioni, ecc – che si possono sincronizzare così da creare una presentazione interattiva.

E’ interessante come l’MPEG4 si possa scomporre in un insieme di oggetti da poter associare a uno schema di compressione diverso.

I principali vantaggi di un MPEG4 sono la qualità dei video, la compressione e la scarsa banda necessaria per un singolo canale.

L’H.264, anche conosciuto col nome di MPEG4-AVC, è frutto del lavoro di due commissioni internazionali che si occupano di video –  l’ITU-T (International Telecommunication Union) e l’ISO-MPEG (International Standards Organization-MPEG). Questa modalità di compressione porta con sè vantaggi notevoli, come:

  • la divisione in macroblocchi con approccio adattativo e flessibile;
  • la presenza di un filtraggio integrato;
  • l’uso mirato della predizione;
  • la codifica entropica adattativa.

Lo svantaggio sta solo nel carico computazionale, molto alto sia per la codifica che per la decofica del video.

 

Ti consigliamo di leggere anche questi articoli



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *