I componenti di un kit di videosorveglianza

kit videosorveglianza
I componenti di un kit di videosorveglianza 4.80/5 (96.00%) 3 voti

I kit di videosorveglianza presenti in commercio si compongono di diverse apparecchiature. A seconda della tipologia di kit di cui abbiamo bisogno e del tipo di tecnologie che intendiamo utilizzare. possiamo scegliere tra sistemi precostituiti oppure costituirne di propri, utilizzando i dispositivi che meglio si prestano alle nostre necessità e richieste.

Le telecamere

La maggior parte dei kit di videosorveglianza professionali presenti in commercio sono costituiti da alcuni elementi di base. Uno degli elementi principali di importanza vitale in un sistema di videosorveglianza è sicuramente la telecamera. In genere, è possibile scegliere il kit di nostro interesse in base al numero di telecamere presenti e alla tipologia delle stesse. Infatti, si può scegliere sia tra le telecamere senza fili. che caratterizzando i kit di videosorveglianza wireless, sia tra i kit con telecamere tradizionali via cavo, con illuminatore IR integrato. Quest’ultime consentono non solo di effettuare riprese di giorno, ma sono fruibili anche di notte, grazie a funzioni di ICR (infrared cutfilter removal) e gestione flusso video in bianco e nero.

È, inoltre, importante valutare attentamente le caratteristiche delle telecamere sotto diversi punti di vista. Sono, infatti, rilevanti sia le funzioni elettroniche, ma anche quelle meccaniche. Infatti, le telecamere possono essere adatte per registrazioni esterne (come nei kit di videosorveglianza per esterni) e, in quel caso, avranno un alto grado di protezione IP e resistenza ad agenti atmosferici, con protezioni anti-vandalo. Possono, però, anche essere per interni e, in entrambi i casi. sono disponibili sia le versioni fisse che le versioni motorizzate (PTZ o speed dome). Le versioni motorizzate sono controllate tramite comandi inviati da consolle apposite, interfacce software o dvr dedicati predisposti con interfaccia seriale (RS232 o RS485).

Il videoregistratore

Un altro elemento fondamentale che spesso viene fornito nei kit di videosorveglianza professionali è il videoregistratore digitale ( o denominato anche dvr). Si tratta di un dispositivo che, oltre a permettere la registrazione delle immagini su appositi supporti di memorizzazione (solitamente hard – disk ma con esportazioni possibili anche su memory card SD o pen drive usb), permette anche di interfacciarsi con le telecamere motorizzate. In questo modo, potrà inviare comandi oppure interfacciarsi ad una rete locale o internet, per comandare e visualizzare in tempo reale le riprese dalle diverse telecamere, attraverso software semplici come browser web o altri software specifici.

Molto dipende dalle necessità e dalle richieste dell’utilizzatore finale. Nei kit di videosorveglianza moderni, infatti, molti dvr permettono di gestire innumerevoli canali in maniera contemporanea e, quindi, di effettuare registrazioni e visualizzazioni da diverse telecamere simultaneamente, fornendo qualità anche piuttosto elevate. Inoltre, sono in possesso anche di ingressi e uscite audio, I/O, ingressi e uscite per allarmi e relè e software, in grado di inviare notifiche o allarmi via sms/e-mail/telesoccorso.

Altri componenti

Nella maggior parte dei kit, infine, sono presenti anche hard disk la cui capienza è elevata, dispositivi e accessori per la corretta installazione (come staffe, cavi, alimentatori ecc…). Altro componente importante è il monitor, specifico per la videosorveglianza, in grado di effettuare elaborazioni software e inviare allarmi al verificarsi di eventi particolari.

Ti consigliamo di leggere anche questi articoli



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *