Impianti di videosorveglianza moderna

Impianti di videosorveglianza moderna 4.70/5 (94.00%) 2 voti

KIT DI VIDEOSORVEGLIANZA

Sentirsi al sicuro nella propria casa è un elemento di vitale importanza. Anche quando si è certi di avere porte e finestre ben solide non si può avere la certezza che dei ladri non siano in grado di aprirle. Quando si pensa alla sicurezza della propria casa non si può scendere a compromessi. Per questo installare un sistema di videosorveglianza è la risposta giusta. Gli impianti di sorveglianza moderni hanno dei prezzi molto elevati che possono raggiungere velocemente qualche migliaia di euro. Fortunatamente sul mercato sono disponibili dei perfetti kit di allarme specificatamente prodotti per il fai da te, estremamente facili e veloci da installare.

PERCHè UN KIT FAI DA TE?

Sono dei prodotti dai costi ridotti e il risparmio verrà dato anche dal non dover chiamare un tecnico specializzato per montarli. Questi kit dispongono dell’ occorrente per creare un perfetto sistema di sorveglianza. Non c’è da pensare assolutamente che poiché un allarme sia fai da te, allora non sia di buon livello o non espleti il suo compito nel migliore dei modi. Il livello tecnico dei kit di allarmi fai da te è cresciuto molto nell’ultimo periodo, probabilmente a causa della crisi economica che ha diminuito i badjet delle famiglie, ed a una crescente sensazione di insicurezza anche dentro la propria casa. Il mercato offre una vasta gamma di allarmi per la casa. Essere pratici nei lavori manuali sarà un plus, ma non ci sarà bisogno di essere degli ingegneri per riuscire a montare correttamente questi kit fai da te.

A COSA SERVONO

I kit di videosorveglianza hanno un duplice scopo. Prima di tutto la deterrenza. Alla vista di una telecamera un ladro avrà molti più scrupoli nel decidere di entrare nella casa per paura di essere ripreso. Secondo motivo, nel caso in cui il ladro non venga disincentivato dalla presenza della videosorveglianza ma decida e riesca nonostante tutto ad entrare in casa per rubare, il video verrà mandato e visionato dai Carabinieri, facilitando così la loro ricerca del ladro e il ritrovamento dell’eventuale refurtiva. Esistono sistemi di videosorveglianza che registrano tutto su DVD, altri lo fanno su di un disco esterno. Sta alla discrezionalità del proprietario decidere se sovrascrivere o cancellare un determinato video. Fra i kit più all’avanguardia ne esistono dei modelli i quali, tramite sensori di movimento, cominciano a registrare soltanto quando viene percepito un movimento, facendo si che venga risparmiato spazio sul disco di memoria e corrente elettrica. Sempre a seconda di quanto sia il proprio budget, si può scegliere fra telecamere collegate tramite wifi o tramite cavi elettrici. In entrambi i casi il montaggio è assolutamente facile e veloce.

DA COSA è COMPOSTO UN KIT DI VIDEOSORVEGLIANZA FAI DA TE?

Un sistema di videosorveglianza fai da te è composto dalle telecamere di videosorveglianza, da una centrale, dai relativi sensori e da una tastiera o i telecomandi, che rappresentano il dispositivo di comando. Le telecamere possono essere in funzione sia quando il proprietario è presente sia quando non lo è.
La centrale è quella parte del sistema che produce l’allarme ricevendo i segnali che le sono inviati da parte dei sensori. Solitamente ha una batteria interna in grado di continuare ad alimentarla anche in assenza di elettricità. Possiede inoltre un sirena a volume regolabile che si accende nel caso qualcuno stia tentando di entrare in casa e di un combinatore telefonico che tramite SMS o chiamata telefonica avverte i vari numeri che sono stati impostati nel caso stia succedendo qualcosa.
È bene montarla in un punto nascosto della casa che sia equidistante da tutte le altri parti che compongono il kit.
Esistono vari tipi di sensori. I più usati sono quelli ad infrarosso passivo, che si attivano al passaggio di qualcuno, facendo scattare l’allarme. Sono utilizzati per gli spazi interni.
Per mettere al sicuro porte e finestre vengono invece utilizzati dei sensori chiamati contatti magnetici che fanno scattare l’allarme nel caso esse vengano aperte.
La sirena da esterno è forse il maggior deterrente per i furti. Viene posizionata in un posto ben visibile ma allo stesso tempo non accessibile, in modo che spaventi il malintenzionato.
Anche queste come la centrale sono dotate di una batteria che le tiene operanti anche nel caso vengano tagliati i fili della corrente.
Per attivare e disattivare l’allarme ci sono i dispositivi di comando. Solitamente sono di 3 tipi differenti, a chiave elettronica, a tastiera oppure a telecomando e permettono di attivare l’allarme in modalità parziale, ovvero quando si è dentro casa, in modalità totale, ovvero quando si è fuori casa oppure disattivarlo.

COME SI SCEGLIE UN KIT DI VIDEOSORVEGLIANZA FAI DA TE?

Ovviamente si deve tenere conto del proprio budget. Oltre a questo è bene fare attenzione alla garanzia del prodotto che si ha intenzione di acquistare. Questo perché in Italia vige l’obbligo di almeno 2 anni di garanzia, ed è quindi consigliabile evitare acquisti da paesi che non vi danno questa garanzia. Bisogna essere certi che il nostro prodotto disponga delle istruzioni di montaggio e di utilizzo. Sconsigliato acquistare prodotti da internet, mentre è meglio rivolgersi ad un negozio specializzato per poter con un commesso che potrà rispondere a tutte le nostre domande. Se il budget lo permette, i sistemi di videosorveglianza migliori sono sicuramente quelli wireless.

Ti consigliamo di leggere anche questi articoli



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *