Antifurto filare: installazione fai da te

Antifurto filare: installazione fai da te 4.00/5 (80.00%) 3 voti

Buon pomeriggio,

mi chiamo Luca e ti scrivo perché in questo periodo mi sto occupando dell’installazione di un sistema di antifurto filare con una centralina d’allarme che deve servire i tre piani della mia abitazione, ci sono anche tre tastiere (quindi una per piano), ed una sirena da esterno. Ci sarebbero anche i contatti magnetici d’apertura sulle finestre, ma non essendoci la predisposizione per il passaggio dei cavi dovrei far arrivare i tubi dalle finestre sino al punto in cui è installata la centralina. Informandomi qua e là, ho letto che il “sistema a bus” potrebbe essere l’ideale per la mia situazione, ma prima di cominciare mi piacerebbe avere una tua conferma sulla validità di tale sistema! Inoltre, se risultasse possibile collegare ciascuna finestra con l’altra ed arrivare alla centralina d’allarme con un unico tubo, quest’ultimo potrebbe avere un diametro di 20 o 25 millimetri? Infine, visto che il tragitto è abbastanza lungo, secondo te servirà anche un alimentatore oppure un concentratore supplementare? Ti ringrazio tanto per l’attenzione e per l’aiuto!

Cordiali saluti

Luca

 

Risposta:

Buon pomeriggio Luca,

Allora, per ciò che concerne il collegamento delle finestre sino a raggiungere la centralina, ti dico che si può fare ed è sufficiente; inoltre potrebbe andar bene anche un tubo con diametro di 20 o 25 millimetri, ma sappi che più grande è e meglio è, in quanto in un secondo momento quel tubo potrebbe esserti utile per far passare altro. Riguardo l’alimentatore o il concentratore, ti dico che secondo me non è necessario, ma non ci metto la mano sul fuoco perché necessiterei di ulteriori informazioni per esserne sicuro al 100%.

Ora veniamo al “sistema a bus”: per me, con tutta franchezza, non ne hai bisogno: i contatti magnetici d’apertura si possono collegano con due cavi, se è presente l’anti manomissione potrebbero anche essere quattro, perché si tratta di un circuito NC +, come lo sono per capirci i normalissimi interruttori. Pertanto puoi benissimo portare un filo con più conduttori su ciascun piano e poi con due cavi arrivare a ogni contatto magnetico: il positivo è comune alle linee e la giunta di può fare in centralina o nella scatola, il segnale d’allarme sarà singolo e dovrai collegarlo su ingressi differenti della centralina. Se invece non necessiti di una segnalazione puntuale, puoi raggruppare le zone! faresti come ti ho illustrato poco fa, ma senza dover andare da ciascun contatto magnetico alla scatola; fai attenzione però in quanto, anche se risparmi ingressi in centralina, potresti perdere informazioni.

Detto ciò, ti faccio una riflessione sui sistemi bus: questi ultimi sono adatti agli impianti medio grandi, risultano semplici da installare ma al contempo complicati da programmare, inoltre il protocollo di comunicazione è proprietario, per cui ti vincola nell’acquisto e nell’utilizzo di componenti che devono essere necessariamente di quel sistema (ci sono anche le schede supplementari, ma si tratterebbe di una spesa immotivata).  

Spero di averti fatto una panoramica chiara ed esaustiva della situazione, fammi sapere come va! E se dovessi avere bisogno torna pure a contattarmi! Un saluto a presto

Ti consigliamo di leggere anche questi articoli



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *