Allarme fumogeno

Allarme fumogeno 4.10/5 (82.00%) 3 voti

Fino a qualche tempo fa, non riuscivo a capire gli atteggiamenti e le conseguenti dichiarazioni di quei poveri commercianti che, rapinati più volte si lasciavano prendere dalla rabbia e dalla disperazione.

Oggi, purtroppo, non avrei voluto ma la penso esattamente come loro.

Ho due figli ventenni, appena diplomati, con tutti i sacrifici economici sostenuti per farli studiare e nessuna opportunità lavorativa.

Allora una mamma che fa? Un nuovo mutuo e nuovi sacrifici pur di vederli felici. Da li la decisione, mettiamo su un piccolo negozietto di computer che qui in paese mancava.

Doveva essere l’inizio di un periodo di lavoro e di tranquillità, invece è iniziato un vero e proprio incubo, quattro furti in otto mesi e la rabbia di non poter far nulla.

Per favore dateci qualche consiglio, abbiamo sentito parlare di un allarme fumogeno, ci spiegate come funziona?

Lara.

 

Qualsiasi cosa diciamo o pensiamo in questo momento non allevierà il problema ma sappi cara Lara

che quanto ci racconti non ha nulla di nuovo, anzi è perfettamente sovrapponibile alle decine di racconti simili che sentiamo ogni giorno.

I commercianti sono disperati e, veramente non sanno più cosa fare, sono disposti ad armarsi da soli piuttosto che continuare ad investire nelle rispettive attività commerciali divenuti veri e propri bancomat per criminali senza scrupoli.

Possiamo però tranquillizzarti grazie a prodotti tecnologicamente molto avanzati in materia di sicurezza domestica, inventati ed immessi sul mercato solo di recente, parliamo del cosiddetto allarme fumogeno.

Si tratta di un impianto di allarme innovativo, dotato di sensori in grado di rilasciare una densa quanto innocua cortina fumogena all’interno dei locali in cui è installato con lo scopo preciso di fungere da deterrente contro i furti.

Il principio di funzionamento è veramente geniale se ci pensate………quello che non si vede…..non si può rubare.

Pensateci un pochino su e se volete tornate pure a scriverci.

A presto.

Ti consigliamo di leggere anche questi articoli



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *